Vita da Sala Prove

Posted on Saturday, April 9th, 2005 at 01:00, under Uncategorized.

Sabato scorso non siamo potuti andare a provare nella solita sala perchè era tutto occupato (questo succede a prenotare tardi…) e siamo stati costretti a ripiegare sulla RAM, piccola sala prove in zona Paolo Sarpi nella quale avevamo provato per qualche mese subito dopo la formazione del gruppo. Non eravamo certo entusiasti della cosa (avevamo cambiato sala per un motivo, dopotutto… ;)), ma non ci aspettavamo certo un pomeriggio come quello che è seguito…
Appena entrati nella saletta (sala rossa, dimensioni più o meno pari a quelle di una scatola di fiammiferi) veniamo accolti dal classico aroma di musicisti in decomposizione che è caratteristica pregnante di ogni buona sala prove.
Osservo la batteria con un certo scetticismo, notando i seguenti particolari:

  • Il pedale della cassa si muove più in orizzontale che in verticale
  • Il charleston ha i due piatti completamente fuori asse: il metodo migliore per ridurre in segatura un paio di bacchette nel giro di 10 minuti
  • Il crash di sinistra è stato ritagliato su un bordo, evidentemente per eliminare una crepa, lasciando un simpatico bordo frastagliato che lo rende un’arma potenzialmente mortale (lasciamo perdere il suono…)

Ad un esame più approfondito scopro anche che entrambi i crash sono pieni di crepe e che la cordiera del rullante non si tira a dovere. Estraggo le mie fedeli bacchette dallo zaino e scopro… che ho preso le bacchette sbagliate!
Nella fretta di prendere tutto prima di uscire ho agguantato un paio di bacchette Zildjian vecchie e marce invece di quelle nuove, ed ora me ne ritrovo una consumata quasi fino all’osso ed un’altra bellamente spezzata vicino alla punta: impossibile suonare così.
Vado a chiedere al tipo della RAM se ha delle bacchette da prestarmi ma mi risponde che ha solo le spazzole e i rutes. Dal momento che le spazzole non sono proprio adatte per fare metal mi faccio prestare i rutes sperando di poterci combinare qualcosa. Ovviamente i rutes sono talmente spelacchiati che sembrano quasi conciati peggio delle mie bacchette.
Provo ad usarli un po’ e al secondo tocco sul crash il rute che avevo nella mano destra (quello messo peggio) esplode in una girandola di legnetti.
Mentre valuto la possibilità di usare un rute con una mano e una bacchetta con l’altra, nella stanza inizia a diffondersi un forte odore di bruciato: ottimo auspicio considerato che siamo in 5 e ci stiamo già contendendo le poche molecole di ossigeno presenti nella saletta. Non riusciamo a capire da dove venga (ma fuori dalla sala non si sente) e ci rassegnamo alla possibilità di finire la nostra carriera arsi vivi in una squallida sala prove.
Nel frattempo decido che i rutes non sono stati una buona idea: l’unica cosa da fare è impugnare al contrario la bacchetta rotta e suonare con quella nella mano sinistra e l’altra bacchetta ancora apparentemente integra nella destra. Inutile dire che maneggiare una bacchetta tenuta al contrario, segata a 3/4 e piena di schegge non è esattamente il massimo del divertimento, ma se non altro suona e ha anche un certo rimbalzo.
Facciamo qualche pezzo (dopo che chitarre e basso hanno finito di litigare con gli amplificatori…) e nel bel mezzo di una crashata vedo qualcosa decollare dalla batteria e proseguire come un missile verso il bassista ignaro, che a momenti finisce impalato :P
Ovviamente la bacchetta “integra” non doveva poi essere tanto integra, visto che si è spezzata anche lei proiettando la punta in direzione del bassista. Eccomi quindi con due bacchette frantumate.
Ormai la soluzione è ovvia: altra bacchetta al contrario e via andare! Divertimento assicurato :P

I resti a testimonianza della devastante sessione in sala prove sono qui e qui, scannerizzati per mancanza di macchina digitale ;P

Sarà divertente quando capiterà di nuovo a un concerto :P

14 Responses to “Vita da Sala Prove”

  1. MARagorn Says:

    Muhauhuahuha!!! :D
    è bello ogni tanto riscoprire i vecchi posti dive non si prova più… anzi no.

  2. Grief Says:

    quello che hai passato tu “fisicamente” con la batteria non è nulla in confronto alla devastazione psicologica che ho subito io per via dell’ampli-pedaliera… :D a questo punto avrei preferito suonare con un’acustica!

    p.s. le scannerizzate delle bacchette sono formidabili :D

  3. GaTsU Says:

    onore et gloria alle bacchette (scannerizzate) ihih!

  4. Simbul Says:

    Ma LOL ho creato un nuovo feticcio. Inchinatevi al potere delle BACCHETTE SCANNERIZZATE!
    :P

  5. MARagorn Says:

    propongo di metterle sotto teca e di adorarle…
    Che le bacchette scannerizzate siano sempre con noi e ci donino forza :P

  6. Fio Says:

    ciao vorrei incominciare a suonare la batteria… ho diciotto anni e l’anno prossimo farò la quinta liceo… è tardi secondo te?

  7. Simbul Says:

    Non è mai troppo tardi! Io ho iniziato al primo anno di università ;)
    Certo, spesso mi spiace di non aver iniziato prima (avrei avuto più tempo e probabilmente qualche occasione in più) ma dopotutto indietro nel tempo non si può tornare, quindi tanto vale ricavare il meglio dalla situazione presente.
    Iniziare a suonare mi ha cambiato la vita, non mi farei scappare l’occasione fossi in te ;)

  8. Fio Says:

    Grazie mille e complimenti per l’inglese… ^_^ dove lo hai imparato così bene?

  9. Simbul Says:

    Questa risposta potrebbe occupare un rant intero… diciamo che ho studiato tedesco per 8 anni, ma fatto così male che ho iniziato a odiarlo ferocemente. Per reazione mi sono messo a studiare inglese per conto mio, più seriamente di quanto non si faccia a scuola ;)

    E cmq non è che lo sappia poi così bene… anche se sul sito mi salvo perchè devo solo scriverlo e non parlarlo ;P

  10. Fio Says:

    Capisco…

    adesso mi sono impuntato con la batteria… solo che non ho molti soldi da spenderci quindi… come fare?!

    Wisemann è una marca schifosa o affidabile?

  11. Simbul Says:

    Io non la conosco ma non vuol dire molto… dal momento che non ho un posto sufficientemente grande&insonorizzato per metterla non ce l’ho proprio la batteria. E infatti mi tocca usare le ciofeche che si trovano in sala :(
    (E tra l’altro spendo cmq un botto per le sale :D)

  12. Fio Says:

    ehehehehe

    quindi come fai ad allenarti? solo sala prove?

  13. Simbul Says:

    Sala prove e batteria elettronica sgrausa a casa. Che fa cmq un discreto casino, per cui devo usarla con moderazione per non far scoppiare una sommossa tra i vicini ;)
    Non è la soluzione ottimale, ma al momento è l’unica che mi permetta di suonare (e di allenarmi tutti i giorni, che è una cosa indispensabile)

  14. Archgoat Says:

    eheh, è stato un bell’apocalypse weekend… mi sono sentito protagonista di un film dell’orrore, quasi infilzato da una bacchetta bella appuntita(mi sembra quella dello scan bacchettaA :D), poi cazzo l’odore di bruciato probabilmente dal mio ampli mi inquietava non poco.per non parlare dei rutti che emetteva l’ampli al posto di note pulite…-_-‘