Frontiers of Interaction IV

Posted on Saturday, July 5th, 2008 at 12:04, under life. Tags: , ,

Solo ora trovo un po’ di tempo per parlare di Frontiers of Interaction IV, cui ho partecipato settimana scorsa a Torino.

Per liquidare in fretta tutte le considerazioni di contorno, diciamo che è stato piacevole rivedere alcune facce note, che il pranzo al tramezzino non era niente male, che la sala per l’evento era bella ma progettata per i puffi – e ho collezionato una pletora di ginocchiate sullo schienale della sedia di fronte. Il nuovo MacBook si è comportato bene, ma ha già affermato chiaramente che lui si scalda quanto cavolo gli pare, indipendentemente dalle mie rimostranze.

Sulla conferenza vera e propria, voglio solo riportare alcuni particolari che mi hanno colpito. Se volete riviverla in modo più completo c’è il solito colossale set su flickr e un meraviglioso archivio video.

Seamful ~ Termine che ho trovato meravigliosamente rivoluzionario. Si parla tanto di integrazione seamless delle tecnologie, ma molto spesso questo significa che non si riesce a capire dove sta la tecnologia e come la si usa.
Pensate all’illuminazione nei bagni pubblici controllata da un sensore di movimento: un’applicazione seamless che ci costringe a gesticolare come pazzi nel buio, sperando che il sensore se ne accorga.
Seamful significa invece integrare la tecnologia in modo armonico ma con meccanismi di interazione presentati chiaramente.

OpenSpime ~ Già conoscevo, ma Frontiers è stata l’occasione per rinfrescarmi le idee e solleticare il mio istinto geek. Non mi dispiacerebbe trovare il tempo per qualche esperimento con la libreria Python di OpenSpime.

Spazzino ~ Qui l’indicatore di geekdom è andato proprio fuori scala. Spazzino è uno Spime montato su un Lego Mindstorm hackato con componenti non standard. Kudos ad Alberto Sarullo.

Inglese ~ Questa edizione di Frontiers è stata fortemente anglofona (quasi tutti gli interventi). Fortunatamente l’audio nella sala era molto pulito e gli speaker sono stati molto chiari: la lingua non è una barriera insormontabile, con i giusti accorgimenti.
A margine, alcuni speaker hanno anche regalato momenti di gioia linguistica, con un accento deliziosamente british :D

Bruce Sterling ~ Lo conoscevo solo per nome. Un personaggio curioso, su cui ancora non mi sono fatto un’idea precisa. Mi ha molto colpito il suo intervento, a livello comunicativo: lungo, senza slides, a volte complesso, ma in generale avvincente come un buon libro. Evidentemente la formazione da romanziere non si esprime solo sulla carta.

One Response to “Frontiers of Interaction IV”

  1. Spazzino Says:

    Il mio timido inventore ringrazia per il superlativo commento :D