Archive for the 'apple' Tag

Link diretto alle immagini con Droplr

Tuesday, January 12th, 2010

Droplr è un’applicazione Mac per caricare e condividere file online. Una sorta di ibrido tra Dropbox, Imageshack e un URL shortener tipo bit.ly. Non supporta solamente immagini, ma al momento concentriamoci su questa funzione.

Per ogni immagine caricata, Droplr crea un URL tipo http://drp.ly/cBOcd. Questo indirizzo tuttavia porta ad una pagina che contiene l’immagine, non all’immagine stessa, il che è un problema quando si vuole fare l’embedding dell’immagine.

Una breve ricerca con Google mi ha svelato la soluzione, che mi appunto qua per riferimento futuro: basta aggiungere un “+” alla fine dell’URL per ottenere un redirect automatico all’immagine. Provare per credere: http://drp.ly/cBOcd+.

Il progresso della progress bar

Saturday, November 22nd, 2008

Osservavo oggi la progress bar di Leopard mentre lentamente mi teneva informato sullo stato di alcuni updates. Probabilmente il mio umore non era già dei migliori: avevo appena resettato il Mac per un misterioso congelamento dell’interfaccia e mi aspettava un altro restart per l’installazione degli updates.

Forse è per questo che, guardando la barra, mi sono reso conto di una cosa. Le progress bar fanno schifo.

Non sto parlando di estetica, ma di problemi nell’interazione. Problemi gravi, a cui però ci siamo talmente abituati da non vederli più. In particolare i problemi sono due, a cui se ne può aggiungere un terzo – meno grave:

  1. Quando vedo una progress bar, mi aspetto che questa si riferisca all’operazione in corso. Il fatto che la barra arrivi al completamento e poi riparta da capo – senza che cambi il nome dell’operazione – è un esempio di pessimo design.
  2. Quando vedo una progress bar, mi aspetto che questa sia in rapporto 1:1 con l’operazione a cui si riferisce. Il fatto che la barra arrivi fino a metà e l’operazione si concluda – facendo quindi ripartire la barra da zero – è un altro esempio di pessimo design.
  3. Infine, una progress bar serve a dare due informazioni: una riguarda lo stato corrente dell’operazione, mentre l’altra è la conferma che qualcosa sta succedendo (ovvero: il computer non si è inchiodato). Se la barra si ferma per un’ora sul 23%, questa informazione viene persa. Lo stesso problema si ha quando la barra avanza di un pixel ogni 15 minuti: alzi la mano chi non ha mai usato il puntatore del mouse come indicatore per vedere se una barra avanzava o meno a livello subatomico :D

I primi due problemi sono quelli che ho notato oggi negli updates di Leopard, mentre il terzo è una caratteristica peculiare delle installazioni Adobe. Gli stessi problemi si riscontrano comunque in moltissimi altri casi.

Viene da chiedersi se mai avremo un qualche progresso verso delle progress bar migliori.

L’immagine è CC kbaird: http://flickr.com/photos/kevlar/2272366843/

Un Jobs al giorno toglie la mela di torno

Tuesday, June 24th, 2008

In questi miei primi giorni da utente Mac sto scoprendo un sacco di particolari del mondo Apple che mi erano sconosciuti. E’ un processo di scoperta estremamente interessante e gratificante: non mi succedeva da anni di dover esplorare un nuovo sistema da zero ed ogni piccola scoperta mi sembra un evento.
Mi perdonino quindi gli utenti Apple di lunga data, se dico ovvietà ;)

Parlando con un collega di tastiere Apple – e della mia difficoltà ad abituarmi alle nuove shortcuts – siamo arrivati a chiederci come mai lo stiloso tastino con la mela fosse stato sostituito da un ben più prosaico “command”: una scelta di termini e simboli più adatta all’approccio ingegneristico di Microsoft che non alla verve artistica di Apple.

Per capire come mai, Wikipedia mi ha riportato indietro fino al 1983. Nell’agosto di quell’anno, uno Steve Jobs visibilmente contrariato irrompe in uno degli uffici di Apple:

“There are too many Apples on the screen! It’s ridiculous! We’re taking the Apple logo in vain! We’ve got to stop doing that!”

Che era successo?
Il simbolo usato per le shortcut deve ovviamente essere mostrato sullo schermo in ogni posizione in cui si trova una delle shortcuts (guardate quante volte compare “Ctrl” nei menu di Windows) e Jobs pensava che usare il simbolo della Apple in maniera così massiccia fosse un danno di immagine per il logo.

Sarà che sono già stato preso dentro il reality distortion field, ma la cosa mi sembra abbastanza sensata :D

Immagine di Stefan Hartmann, CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike.

Gestisci il TU ordine!

Sunday, September 23rd, 2007

Banner avvistato sull’Apple Store italiano (sezione servizio clienti). A quanto pare anche loro utilizzano traduttori automatici e si dimenticano di controllare il risultato :D

Help yourself!

Poche idee ma confuse

Tuesday, February 6th, 2007

Apple: «Nessuna clemenza per il prof pirata» titola il Corriere online. Occhiello: Bill Gates risponde picche all’accorato appello di Gorbaciov.

Accidenti! Apple a Microsoft si sono fuse ed io non ne sapevo niente! :D

appleredmond

EDIT: l’articolo è stato sostituito con una versione corretta.